AvvocataToday

Liceale pestato fuori scuola: “Sono quelli di CasaPound”

Un giovane di 18 anni è stato pestato da un branco di ragazzi tra i 25 e i 30 anni all'uscita del Liceo Linguistico Margherita Savoia. Dalle prime testimonianze si pensa siano stati alcuni militanti di CasaPound. Il giovane è finito in ospedale

Tutto è accaduto in pochi secondi. Un gruppo di ragazzi lo ha atteso fuori scuola per poi picchiarlo mandandolo in ospedale.

È successo ieri davanti al Liceo Linguistico 'Margherita di Savoia': un ragazzo di 18 anni è stato pestato da un gruppo di persone, cinque o sei, di età compresa tra i 25 e i 30 anni. Accompagnato all'ospedale Pellegrini, ha riportato la frattura della costola. Da subito si è pensato a un'aggressione a sfondo politico. Il giovane è rappresentante studentesco e milita nel collettivo studentesco e la settimana scorsa era alla manifestazione contro CasaPound.

Inoltre, la vittima ha detto di non conoscere i propri aggressori ritenendo comunque di poterli individuare in esponenti dell'organizzazione di estrema destra Casa Pound.

Il giovane, che è stato sottoposto a ecografia e Tac, è stato dimesso sotto la responsabilità del padre. In ospedale ci è arrivato accompagnato dalla sua insegnante di francese.

La stessa docente ha raccontato: "Lo aspettavano all'uscita. Lui ha cercato di difendersi sfilando la cintura ma erano in troppi. Tutto è durato una trentina di secondi. C'erano altri alunni che hanno assistito alla scena ma non c'è stato il tempo di intervenire a sua difesa: poi il custode ha chiamato la polizia. A me ha detto solo che è un episodio collegabile alla sua attività politica ma di non conoscere i suoi aggressori e di non averli identificati. Ma alcuni suoi compagni sostengono di aver riconosciuto delle facce che si vedono da queste parti da quando c'è stata l'occupazione di Casa Pound".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

  • Allarme Coronavirus: i medici napoletani chiamati all'aeroporto di Fiumicino

  • Droga e bombe nascoste nel magazzino: arrestato 26enne napoletano

  • "Non voglio andare al Loreto Mare, portatemi al Cardarelli": paziente prende a testate l'autista del 118

Torna su
NapoliToday è in caricamento