Avvocata Today

Fontana di Monteoliveto, nuovo sfregio: staccato un pezzo di marmo

La denuncia è del consigliere della Seconda Municipalità Pino De Stasio, che ha scritto a soprintendenza, ministero e sindaco

Il danno alla fontana, foto Pino De Stasio

Ancora danni alla fontana di piazza Monteoliveto. Sporcata, maltrattata, adesso menomata: un fregio in marmo è stato staccato da ignoti.

La denuncia è di Pino De Stasio, da sempre in prima linea nella difesa dei monumenti del centro storico: "Tre secoli e mezzo di Storia continuamente vandalizzati – ha scritto su Facebook ieri – Stasera quest'ulteriore 'scoperta', distrutta un'altra parte della fontana seicentesca di Monteoliveto. Sono inorridito. Scriverò alla soprintendenza, al ministero, ed anche al sindaco. A chi altri?".

“Egregi – ha scritto De Stasio alle istituzioni – in qualità di Consigliere della Municipalità 2, voglio di nuovo segnalarvi che la fontana di Monteoliveto è preda dell'abbandono. Oltre agli annosi imbratti, ho potuto notare che un pezzo della base in marmo, dove è posizionata la statua in bronzo di Re Carlo II, risulta caduto o rimosso. Non comprendo il motivo per il quale un progetto complessivo di riqualificazione del prezioso manufatto non viene previsto o se è previsto perché rimandato. Si resta in attesa di un vostro riscontro. Cordiali saluti”.

CONTINUA: LA LETTERA DI DENUNCIA

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cultura

      Maggio dei Monumenti 2017, si parte: oltre un mese di eventi dedicati a Totò

    • Cronaca

      Duro colpo al clan dopo la denuncia di un giovane immigrato: 10 arresti

    • Cronaca

      Paura a Melito, 43enne ricoverata per meningite

    • Cronaca

      Alitalia, ministro De Vincenti: "No nazionalizzazione, soluzione è il mercato"

    I più letti della settimana

    • Notte violenta a piazza Garibaldi: rissa tra extracomunitari

    • Circolazione piazza Garibaldi, dal 27 aprile cambia tutto: i dettagli

      Torna su
      NapoliToday è in caricamento