AvvocataToday

Profanata la chiesa del Gesù Vecchio: "Hanno preso i gioielli"

A denunciarlo è stato monsignor Alfonso Punzo. Secondo il religioso si tratta di un furto su commissione. L'appello: "Chi sa parli"

La chiesa del Gesù Vecchio

La chiesa del Gesù Vecchio è stata profanata, ed i gioielli offerti alla Madonnina di Papa Francesco rubati: a denunciarlo è stato monsignor Alfonso Punzo.

"Hanno forzato le sbarre del cancello – spiega Punzo – e, con un cric, hanno aperto la porta del Seicento. Una volta dentro, dal tabernacolo hanno preso cinque angioletti di ottone dorato, hanno sfondato il vetro antiproiettile dello scarabattolo dell'Immacolata, la statua del 1807 fatta dal venerabile Placido Baccher, il primo rettore della basilica, ed esposta durante la visita del Santo Padre in città, il 21 marzo 2015".

I ladri si sono appropriati di una collana dell'Ottocento con rose di corallini ricamate su argento, pezzo di grande valore, e preso orecchini e anelli di brillanti. "Un furto su commissione – spiega il monsignore – poiché gli angioletti erano stati collocati nel corredo liturgico da appena una settimana. Fortunatamente, il vetro non si è rotto per intero: altrimenti i malviventi avrebbero potuto prendere addirittura le corone e il rosario benedetto".

Da Alfonso Punzo infine un appello. "Chi sa qualcosa – chiede il monsignore – parli, può mettersi in contatto con il rettore oppure con gli agenti del commissariato dei Decumani, dove ho presentato denuncia".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel calcio a 5 napoletano, si è spento l'ex portiere della Nazionale Antonio Capuozzo

  • Madre e figlia dormono in auto, l'appello: "Non hanno più soldi. Sono da mesi in queste condizioni"

  • Scontro treni Metro Linea 1, feriti trasportati in ospedale

  • Lutto a Pianura: si è spento il poliziotto Gaetano Senarcia

  • Lutto nel mondo alberghiero, si è spenta Emma Naldi

  • Le imprese cercano 31mila dipendenti in provincia di Napoli, ma non riescono a trovarli

Torna su
NapoliToday è in caricamento