AvvocataToday

Piazza Garibaldi ceduta al Comune di Napoli

Il trasferimento dalle Ferrovie dello Stato avviene in occasione dei lavori di recupero della piazza e di realizzazione della stazione della Linea 1 della metropolitana, posta a 40 metri di profondità nel sottosuolo

È stata presentata oggi alle 12 nella Sala Giunta di Palazzo San Giacomo, alla presenza del Sindaco Iervolino e del Vicesindaco Santangelo, l’atto di cessione di Piazza Garibaldi dalle Ferrovie dello Stato al Comune di Napoli.

Il trasferimento è avvenuto in occasione dei lavori di recupero della Piazza e di realizzazione della stazione della Linea 1 della metropolitana, posta a 40 metri di profondità nel sottosuolo.

L’atto è stato sottoscritto dai rappresentanti della Società Metropolitana S.p.A., quale Concessionaria del Comune di Napoli, e della Società FS Sistemi Urbani.

La prima stazione ferroviaria della Città era collocata in una posizione molto più avanzata rispetto a quella attuale e occupava quindi la quasi totalità dell'odierna Piazza Garibaldi; fu progettata da Enrico Alvino e realizzata alla fine dell'800. Negli anni 20 furono però eliminati i cancelli laterali che chiudevano i piazzali ad est e ad ovest dell'antica stazione e in quell'occasione fu pure tolta dal centro della Piazza la “Fontana della Sirena”, opera di Francesco Ierace, che oggi è posta a Piazza Sannazzaro; in luogo della Fontana fu collocata la statua di Garibaldi. Tra il 1923 e il 1926 furono sottoscritte più convenzioni tra il Comune di Napoli e le Ferrovie dello Stato con affidamento in uso al Comune di Napoli di tutti gli spazi determinatisi a seguito dell'abbattimento dei cancelli di chiusura dei laterali. Nel 1954 le Ferrovie dello Stato decisero l'ammodernamento delle stazioni delle più importanti città italiane e si stabilì quindi di demolire il vecchio edificio della stazione, demolizione aspramente criticata poiché da molti la struttura architettonica dell'antica stazione era apprezzata. Con quell'abbattimento e il conseguente arretramento della nuova stazione si determinò l'odierna configurazione di Piazza Garibaldi.

L'attuale stazione, oggi in corso di restauro, è considerata opera di grande rilievo architettonico sia per il tetto a piramide che per i pilastri così detti ad albero; fu inaugurata nel 1960 e il progetto fu curato da illustri architetti quali Pierluigi Nervi, Carlo Cocchia, Massimo Bottoglini, Bruno Zevi, Giulio De Luca, Luigi Piccinato e Giuseppe Vaccaro. Allorchè le Ferrovie dello Stato vennero autorizzate a realizzare la nuova grande stazione fu anche stabilito che al Comune sarebbe stata trasferita la Piazza, con un vincolo di destinazione d'uso e ad un prezzo da convenirsi.

A distanza di circa 80 anni si è finalmente realizzato l'antico proposito e il Comune di Napoli, pagando un'indennità di espropriazione di € 6.590.000,00 (fissata dall'Agenzia del Territorio) è finalmente divenuto proprietario di una delle più grandi e significative Piazze della Città. L'intera Piazza Garibaldi, per la parte oggi acquistata e per quella già in proprietà del Comune di Napoli, è pari a circa tre ettari e mezzo ed è oggi in pieno restyling, con l'obiettivo di riqualificare l'area attraverso la valorizzazione di un nevralgico nodo d'interscambio che costituisce anche una delle porte principali della città.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto di rammodernamento e riqualificazione, che è stato affidato all'architetto francese Dominique Perrault, parte dalla Statua di Garibaldi e divide la Piazza in due grandi aree: nella prima si trova uno spazio aperto destinato a giardini, la Piazza della Stazione Centrale, gli accessi al parcheggio FS e alle linee metropolitane 1 e 2; il secondo spazio coperto, consente il traffico pedonale degli utenti provenienti o diretti alle diverse destinazioni servite dalle Ferrovie dello Stato, dalla Metropolitana e dalla Circumvesuviana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incinta, scopre di avere il Coronavirus in ospedale a Nola prima del parto

  • Dagospia: “Stefano De Martino sta con Alessia Marcuzzi. Belen ha un fidanzato napoletano”

  • Furto a casa del poliziotto morto. La moglie: “Ci hanno portato via anche i ricordi”

  • Nuovi focolai in Campania: isolata la palazzina della donna incinta e positiva

  • Piedi che puzzano? un bicchierino di Vodka e il cattivo odore va via

  • "Smetta di fumare e metta la mascherina": in Circum passeggero manda capotreno in ospedale

Torna su
NapoliToday è in caricamento