AvvocataToday

Suv esplode in Corso Arnaldo Lucci: ferito un vigile. Panico e caos

L'esplosione causata da bombole di acetilene, ossigeno, anidride carbonica e Gpl a bordo della macchina. Il proprietario sarà denunciato per trasporto di materiale pericoloso. Soccorso al Loreto Mare, l'agente è stato dopo poco dimesso

Paura nel tardo pomeriggio di ieri a Corso Arnaldo Lucci ove un Suv Voyager Chrysler con targa svizzera è esploso dopo aver preso fuoco.

L'esplosione è stata causata da bombole di acetilene, ossigeno, anidride carbonica e Gpl trasportate a bordo della macchina. Il proprietario dell’auto è un meccanico di Ischia, che ha affermato di averle per motivi di lavoro.

Nello scoppio è rimasto ferito un agente della polizia municipale, immediatamente trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Loreto Mare e dimesso dopo poco. Sul posto è intervenuto il generale Luigi Sementa, comandate della Polizia Municipale di Napoli, con diverse pattuglie dell’unità operativa San Lorenzo e del Nucleo Intervento Operativo, e i vigili del fuoco, che hanno spento le fiamme.

Secondo la prima ricostruzione, il meccanico ha fermato l'auto ed è sceso quando ha visto fuoriuscire del fumo dal cruscotto, mettendosi così in salvo. Poi, da una delle bombole, è scaturita una fiammata, seguita da una esplosione. Una seconda esplosione si è avuto all' arrivo delle pattuglie della polizia municipale.

Il proprietario del mezzo sarà ora denunciato per trasporto di materiale pericoloso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto: nuove modalità di pagamento e sconti. Le novità

  • Per i bambini campani picco di influenza: la raccomandazione dei pediatri

  • Maximall Pompeii: 200.000 mq di attività turistico-commerciali per 1.500 posti di lavoro

  • Virus dalla Cina, intervista al virologo: "Allarme ingiustificato. Fa più paura l'influenza"

  • Giallo a Mergellina: donna trovata morta in casa in un lago di sangue

  • La Polizia Penitenziaria a Tina Colombo: "Non prenda in giro i napoletani"

Torna su
NapoliToday è in caricamento