AvvocataToday

Ecco l'antenato di tutti gli Esposito: “Fabritio, de anni due”

Si tratta del primo bambino abbandonato all'Annunziata a cui è stato dato il cognome poi divenuto il più diffuso in città

Libri antichi

La storia del cognome Esposito, il più diffuso a Napoli – e tra i più diffusi del mondo – è nota: venivano chiamati così i bambini affidati all'Annunziata. Il Mattino è andato a spulciare l'archivio storico dell'istituto fino a recuperare il primo bambino abbandonato a cui si è scelto di dare questo nome, o almeno il primo di cui si ha prova scritta: si tratta del piccolo Fabritio “de anni due”.

Prima pagina del primo volume conservato: è datata primo gennaio del 1623 l'iscrizione di Fabritio, il primo “esposto” alla protezione dela Madonna dell'Annunziata. L’antenato di tutti gli Esposito della città e del mondo è lì, nero su bianco in un antichissimo libro custodito in via dell'Annunziata numero 34.

A visitare la “ruota degli esposti”, chiusa dal giugno 1875, sono ancora in tanti. Gli archivi sono disponibili per studiosi o discendenti degli iscritti: la consultazione è consentita solo quando sono trascorsi settanta anni dall’apposizione del nome. Al centro della sala, una macchina numerava e sigillava un piombino messo al collo dei bimbi appena abbandonati dentro la ruota.

Una lettera e un numero che racchiudevano la storia di una vita ancora da venire. Se un giorno un genitore avesse voluto recuperare il proprio bambino, bastava ripresentarsi con data e ora dell'abbandono, cui la sigla faceva riferimento. Insieme ad essa, nei volumi veniva aggiunto un segno di riconoscimento: immagini sacre, medagliette, lenzuola, tutto “in parte”, con l'altra “parte” che veniva conservata dai genitori. “Fabritio de anni due” potrebbe essere ritornato dai suoi genitori. O “semplicemente”, essere rimasto il primo Esposito del mondo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Venti forti in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Allerta meteo su Napoli, scuole aperte martedì: chiusi i parchi

Torna su
NapoliToday è in caricamento