AvvocataToday

Trianon all'asta, ecco i firmatari dell'appello perché il teatro non venga chiuso

Tra loro anche Lia Porcari e Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente. Alla vigilia dell'asta del 17, appuntamento a piazza Bellini per una raccolta firme

Trianon

Le associazioni non ci stanno: il Trianon deve avere un vincolo di destinazione. È questa la richiesta pervenuta sui tavoli delle soprintendenze competenti, alla vigilia dell'asta che assegnerà a nuovi proprietari (fissata il 17 giugno) lo storico teatro di Forcella. Il vincolo è la prima misura attiva – si legge nella nota dei comitati – per "scongiurare la chiusura definitiva del teatro a vantaggio di discutibili operazioni speculative e garantirne la fruibilità pubblica".

A firmare l'appello anche Lia Polcari, Paola Silvi, Carmine Maturo e Vittorio Cogliati Dezza, presidente nazionale di Legambiente. In un sondaggio di tre anni fa, ricorda proprio Dezza, "i napoletani testimoniarono inequivocabilmente l’attaccamento al Trianon, già allora in pericolo di chiusura, votandolo in massa nella campagna nazionale 'Abbracciamo la Cultura' come maggiore 'bene culturale da salvare' a Napoli".

L'appuntamento che promotori e firmatari dell'appello danno è fissato a lunedì 16, quando presso la libreria-café Evaluna di piazza Bellini si terrà una manifestazione di sostegno e raccolta di firme per il Trianon.

Potrebbe interessarti

  • Le tignole: cosa sono e perché è meglio non averle in casa

  • Spiagge: i 3 lidi più belli di Napoli dove viziarsi e divertirsi

  • Pelle secca: quali sono i rimedi più efficaci

  • Rosmarino: cosa sapere di questa pianta

I più letti della settimana

  • Dramma per una famiglia napoletana in vacanza: 42enne muore mentre fa il bagno

  • Addio Paolo: è lui il 26enne rimasto ucciso in un incidente lungo via Marina

  • Tragedia a Scalea, muore turista napoletano: "Te ne sei andato troppo presto"

  • Dramma in autostrada, motociclista muore decapitato

  • Renzo Arbore e il saluto a De Crescenzo: “Lucià ti abbiamo portato a Napoli”

  • Bimbo ingerisce soda caustica: ricoverato in gravi condizioni al Santobono

Torna su
NapoliToday è in caricamento