AvvocataToday

Falso call center, tra documenti falsi e smartphone rubati: la scoperta dei carabinieri

Condotti nei locali di via Carmignano dalle indagini su di un cellulare rubato, i militari hanno scoperto un centro di contraffazione documenti

Documenti

Quello che doveva essere un comune call center, si è rivelato ai carabinieri un centro di produzione e smistamento documenti falsi, nonché luogo di ricettazione smartphone rubati. La scoperta nei locali in via Carmignano, dove i militari hanno fatto irruzione in seguito ad indagini partite dal furto di un cellulare.

Oltre il titolare, un 48enne indiano, sul posto c'erano anche due suoi connazionali di 42 e 36 anni già noti alle forze dell'ordine. I carabinieri hanno trovato e sequestrato due riproduzioni di timbri a umido in plastica – uno con l’emblema di Stato e la scritta “Ufficio territoriale del governo di Foggia” e l’altro “Prefettura di Foggia sportello unico per l’immigrazione” – nonché due permessi di soggiorni e 18 passaporti contraffatti.

Inoltre, c'era anche una pen drive contenente vari documenti per altri documenti e attestati in preparazione per altri 30 extracomunitari.

I carabinieri hanno anche trovato quanto li aveva condotti fin lì, ovvero del materiale elettronico rubato: c'erano sette smartphone (tre rubati a Firenze), un lettore mp3, delle schede sim le cui proprietà sono da accertare, 75 ricariche telefoniche, 6mila e 500 euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I tre stranieri sono stati arrestati con l'accusa di concorso in ricettazione, contraffazione del sigillo dello Stato e uso del sigillo contraffatto, contraffazione di altri pubblici sigilli o strumenti destinati a pubblica autenticazione o certificazione e uso di tali sigilli e strumenti contraffatti. Inoltre, sono accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Mentre il locale veniva sequestrato, i tre sono stati condotti nel carcere di Poggioreale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Frecce tricolori a Napoli: le immagini spettacolari

Torna su
NapoliToday è in caricamento