AvvocataToday

Porto, è allarme inquinamento: prodotti chimici al molo 56

Primi controlli effettuati dalla Capitaneria di Porto: idrocarburi dall'odore acre e pungente nei pressi dello sbocco dell'alveo Pollena. Fissata per questa mattina una riunione di tecnici di Comune di Napoli, Provincia e Regione

Un allarme inquinamento è scattato ieri mattina nel Porto di Napoli, nei pressi dello sbocco dell'alveo Pollena, ai moli 54-55. Da un collettore pluviale che sfocia nell' area container del porto hanno cominciato a fuoriuscire infatti liquidi inquinanti. Dai controlli effettuati dalla Capitaneria di Porto è risultato che si trattava di idrocarburi e prodotti chimici che producevano un odore acre e pungente.

La Capitaneria di Porto ha fatto intervenire un battello disinquinante e sono state collocate panne assorbenti nei pressi del collettore di scarico pluviale. Le navi all' ormeggio nei pressi dell'area sono state allontanate dal porto a scopo precauzionale. La Capitaneria di Porto ha chiesto l' intervento dei Vigili del Fuoco, del personale dell' Arpac, l' agenzia regionale per l' ambiente, dell' ASL Napoli 1 e della Protezione Civile. Nel pomeriggio unità specializzate del Ministero dell'Ambiente hanno cominciato le operazioni di disinquinamento del tratto di mare.

Per questa mattina, comunque, è stata fissata una riunione di tecnici di Comune di Napoli, Provincia e Regione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amuchina, come farla in casa con la ricetta dell'Organizzazione Mondiale della Sanità

  • Bimbo ricoverato al Cotugno, test negativi: non è affetto da Coronavirus

  • Bimbo di tre anni ricoverato al Cotugno: non si tratta di Coronavirus

  • Feltri sul Coronavirus: "Invidio i napoletani hanno avuto solo il colera"

  • Coronavirus, Di Mauro: "No allarmismi. Il Cotugno è comunque preparato ad ogni evenienza"

  • Coronavirus, un malore dopo la maratona: test per due lombardi. Negativo uno stabiese

Torna su
NapoliToday è in caricamento