AvvocataToday

La protesta degli operatori sociali: in due si calano dal maschio Angioino

Gli appartenenti al comitato "Il welfare non è un lusso" si sono arrampicati questa mattina sulla torre destra scalandola con le corde dall'esterno del castello e portando con loro uno striscione

Due operatori del terzo settore si sono calati questa mattina da una delle torri del Maschio Angioino per manifestare il disagio di tutti gli operatori della città e della Campania. A scendere e risalire da una delle due torri del castello partenopeo, un uomo e una donna.

I due scalatori sono rimasti sospesi, legati da funi, per quasi un'ora, ad una delle due torri del castello napoletano. Giunti in quota, hanno esposto uno striscione su cui campeggia la scritta 'Il welfare non è un lusso", slogan del coordinamento di tutte le cooperative e associazioni che da giorni stanno protestando, in vario modo.

Altri striscioni sono stati esposti sulle merlature delle torri da altri operatori che hanno intonati cori sull'importanza del lavoro. Intanto, nelle sale del Maschio Angioino prosegue l'occupazione in corso da alcuni giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba lo zaino ad un ragazzo mentre mangia un panino: arrestato

  • Choc allo stadio di Marano: 22enne trovata morta, 23enne in fin di vita

  • Sesso nel cimitero di Acerra: "Senza rispetto in un luogo di dolore"

  • Venti forti in arrivo su Napoli e Campania: allerta meteo della Protezione Civile

  • Fedeli afragolesi senza parole: le nuvole formano l'immagine del volto di Gesù

  • Allerta meteo su Napoli, scuole aperte martedì: chiusi i parchi

Torna su
NapoliToday è in caricamento